This website or its third party tools use cookies, which are necessary to its functioning and required to achieve the purposes illustrated in the cookie policy. If you want to know more or withdraw your consent to all or some of the cookies, please refer to the cookie policy. By closing this banner you agree to the use of cookies.
Caricamento…
19 novembre 2019
Milano, Sala Assemblee di Mediobanca

Apertura dell'Archivio Storico e presentazione del libro "Mediobanca e il salvataggio Olivetti. Verbali delle riunioni e documenti di lavoro 1964-1966"

Apre oggi alla consultazione l’Archivio storico di Mediobanca presso cui sono consultabili i documenti dei primi venti anni di attività, dal 1946 al 1966.

Per l’occasione Mediobanca pubblica il volume di fonti “Mediobanca e il Salvataggio Olivetti. Verbali delle riunioni e documenti di lavoro 1964-1966”, a cura di Giampietro Morreale. Il libro contiene la trascrizione integrale dei verbali delle riunioni tra la Olivetti e il Gruppo di Intervento.

Sono intervenuti Giorgio La Malfa, Direttore Scientifico Archivio Storico Mediobanca “Vincenzo Maranghi”, Annalisa Rossi, Soprintendenza Archivistica per la Lombardia e Giampietro Morreale, curatore del volume, Archivista, già Direttore Archivio Storico Unicredit. È seguita una Tavola Rotonda suil caso Olivetti a cui hanno preso parte: Federico Barbiellini Amidei, Servizio Struttura Economica Banca d’Italia, Giuseppe Berta, Università Bocconi e Carlo De Benedetti, già Presidente e Amministratore Delegato Olivetti S.p.A. Moderatore Paolo Bricco, Inviato del Sole 24 Ore.

La scelta di mettere in consultazione i documenti relativi ai primi venti anni di attività della banca nasce dalla consapevolezza del contributo che Mediobanca può dare alla ricostruzione della storia economica e finanziaria del Paese. Fin dalla sua fondazione Mediobanca ha sempre attentamente organizzato la propria memoria, cioè la capacità di autodocumentarsi in rapporto alle proprie finalità pratiche. Ha scelto poi di preservare e rendere consultabile il patrimonio documentario dell’impresa, frutto di abilità tecnica, e della rete nazionale e internazionale di relazioni che hanno consentito lo sviluppo della banca nel panorama economico e finanziario. La decisione di aprire agli studiosi l’archivio di Mediobanca venne assunta nel 2012. In quella occasione il Consiglio di Amministrazione della banca deliberò di intestarlo alla memoria di Vincenzo Maranghi (Amministratore delegato di Mediobanca dal 1988 al 2003). Nel giugno 2104 la Direzione regionale per i beni culturali della Lombardia ha dichiarato l’archivio “di interesse storico particolarmente importante”. A oggi sono circa 180.000 i fogli scansionati, di questi oltre 120.000 provengono dal subfondo “Segreteria generale e dell’Amministratore delegato Enrico Cuccia”. I documenti saranno consultabili presso la sede di Mediobanca.

Guarda la videostory

Info

Con gli interventi di: Giorgio La Malfa, Annalisa Rossi e Giampietro Morreale.

Gallery

Pubblicazioni correlate

Mediobanca e il salvataggio Olivetti

Mediobanca e il salvataggio Olivetti

Verbali delle riunioni e documenti di lavoro 1964-1966.